Acorus calamus oppure Calamo aromatico

1
393
Acorus calamus

Pianta sempre verde Acorus calamus chiamata anche Calamo aromatico

Questa pianta Acorus è acquatica è detta anche calamo aromatico o canna odorosa. Si tratta nello specifico di una pianta perenne acquatica rizomatosa e semi sempreverde: è originaria delle aree del nord america, dell’europa e dell’asia.

Acorus calamusAll’aspetto dell’Acorus  è un ciuffo di lunghe foglie di una tonalità brillante del verde, alte fino a mezzo metro e larghe fino a 7 centimetri.

I rizomi carnosi tendono ad allargarsi in fretta e sono carnosi nell’aspetto esterno.

Provate a stropicciare una foglia: otterrete un tipico aroma penetrante e caratteristico.

Il calamo aromatico in primavera produce alcune spighe e piccoli fiori verdastri che non hanno importanza, se non quella di lasciare il posto a piccole bacche scure. Sono fiori che sembrano insignificanti, ma nascondono il segreto botanico di generare le bacche scure che durante il periodo estivo adornano questa pianta per la gioia dei nostri occhi. La varietà Variegatus dell’ acorus presenta foglie variegate color giallo di tonalità brillante.

L’Acorus o calamo aromatico preferisce le posizioni molto luminose, sia in pieno solo che in penombra o velatura dei raggi mediante artifizi. Non teme il freddo, anzi, teme il caldo eccessivo: il mio consiglio è di schermare i raggi del sole incidenti sulla pianta in modo troppo diretto, per evitare fenomeni di appassimento.

Queste meravigliose piante acquatiche sono facilmente moltiplicabili per semina, ma attenzione che non sempre la pianta produce i semi stessi necessari a riprodurre la specie. Oppure produce semi che non risultano fertili e non germogliano se seminati pur con particolari cure.

Il consiglio che voglio darvi, se volete moltiplicare questa pianta e allargare l’area in cui germoglia, è quello di raccogliere cespi di foglie, poichè gli stoloni della pianta si diramano sotto terra producendo nuove piante, che spuntano e crescono in modo del tutto spontaneo. Potete staccarle dalla pianta madre e metterle a dimora singolarmente: la stagione ideale per questa operazione è l’inizio della primavera o la fine dell’estate.


[amazon bestseller=”giardino”]

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here