La Calla Bianca- zantedeschia aethiopica

305

La Calla Bianca del Sud Africa

Cari lettori, la calla bianca (specie botanica Zantedeschia aethiopica) è una pianta palustre originaria del Sud Africa e fu introdotta in Europa nel 1731, appartenenete alla famiglia delle Araceae,  che necessita di un clima caldo o temperato per sopravvivere. Si coltiva facilmente nelle nostre regioni specialmente nella regione degli agrumi. Non va confusa con la Calla delle paludi (specie botanica Calla palustris) che è abbastanza simile ma molto più rustica e ha delle spate più piccole e bianco-verdastre.

Calla Bianca
Calla Bianca

La calla bianca si può piantare ai margini di stagni o vasche in cui si coltivano piante acquatiche, ma per lo meno in inverno i tuberi devono restare all’asciutto e l’acqua deve comunque essere poco profonda. Bisognosa di un terreno profondo e umifero per sopravvivere, la calla bianca a seconda del clima può avere un ciclo culturale perenne o annuale.

E’ una pianta dall’alto valore ornamentale, sia a piena terra (come pianta d’aiuola) che a fiore reciso, sia come pianta palustre che da vaso per via dei magnifici fiori bianchi e le foglie di un bel verde lucente. Si moltiplica per divisione dei rizomi tuberosi e necessita di una esposizione a mezzo sole o soleggiata.

Calla bianca significato

Nel linguaggio dei fiori  la calla è il simbolo della grazia semplice e raffinata, regalare una calla è un segno di stima e di ammirazione sincera.

Per approfondimenti sulla Calla e le piante bulbose, date un’occhiata a questo articolo.

Lascia una risposta

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetta Rifiuto Impostazioni della privacy Ulteriori informazioni sulla nostra politica sui cookie