Qualche consiglio per coltivare le piante carnivore

0
229
piante carnivore

Notizie inerenti: piante carnivore

Le piante carnivore – Come prima differenza rispetto alle altre piante va ricordato che le piante carnivore sono abituate a vivere in ambienti poveri e per questo non tollerano la maggior parte dei concimi organici ricchi di elementi nutritivi spesso utilizzati per aiutare la crescita delle nostre piante carnivore.

Poiché queste piante vivono principalmente in ambienti particolari come paludi e torbiere acide, se volete coltivare una carnivora in casa cercate di riprodurre il più possibile le condizioni del suo ambiente naturale: temperatura, tipo di terreno, luminosità e umidità.   Alcune specie sono ermafrodite essendo presenti nel loro fiore sia stami sia pistilli mentre altre sono dioiche quindi esistono piante maschili e piante femminili. Le piante complementari sono tante ora vi faccio una lista:

  • Brocchinia
  • Byblis
  • Catopsis
  • Cephalotus
  • Darlingtonia
  • Dionaea
  • Drosera
  • Drosophyllum
  • Genlisea
  • Heliamphora
  • Nepenthes
  • Pinguicula
  • Roridula
  • Sarracenia
  • Triphyophyllum
  • Utricularia
  • Philcoxia Capsella
  • Dipsacus
  • Geranium
  • Ibicella
  • Paepalanthus
  • Passiflora
  • Plumbago
  • Potentilla
  • Stylidium Archaeamphora
  • Droserapollis
  • Droserapites
  • Droseridites
  • Fischeripollis
  • Palaeoaldrovanda
  • Saxonipollis

Assicurerete così alla vostra pianta una crescita rapida, uno sviluppo armonioso e una maggior resistenza alle malattie. Solitamente, la maggior parte delle piante carnivore si adatta bene a un substrato acido di torba e sabbia. Si consiglia inoltre di non annaffiare le carnivore con l’acqua del rubinetto se questa risulta essere troppo calcarea; in sostituzione consigliamo di utilizzare l’acqua piovana.

Per quanto riguarda i contenitori è preferibile scegliere un vaso le cui dimensioni siano appena maggiori rispetto a quelle della pianta stessa; si sconsigliano i vasi di piccole dimensioni che potrebbero prosciugarsi troppo in fretta soprattutto nel periodo estivo.

Un ultimo consiglio: al momento dell’acquisto della vostra carnivora richiedete sempre il certificato di autenticità della specie, o “passaporto delle piante”; riuscirete così a sapere con precisione le condizioni del suo ambiente naturale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here