Il Castagno: Alberi fruttiferi a foglia caduca

301

Il Castagno albero Europeo

Il Castagno è una pianta che appartiene alla Fagacee e al genere Castanea, che comprende diverse e numerose specie; tra queste quella che risulta essere la più conosciuta è quella del castagno europeo, detto Castanea Sativa. Altrettanto famoso è il castagno giapponese, detto Castanea crenata.

il CastagnoIl castagno europeo è detto anche castagno comune e si tratta di una pianta molto longeva che ha una altezza che varia tra i dieci e i venti metri.

Ma esistono piante vecchie di anni di dimensioni molto maggiori: la circonferenza può arrivare a misurare anche otto metri, con una altezza massima di trenta o trentacinque metri.

Negli esemplari giovani notiamo una chioma decisamente di forma conico piramidale; con il passare degli anni la forma della chioma assume sembianze maggiormente espansa, globosa e soprattutto irregolare negli alberi adulti.

Spesso il tronco è diritto e ramificato nella parte medio alta con un diametro che può raggiungere dimensioni anche notevoli: la corteccia appare rugosa alla vista e al tatto, e il colore è tendente al grigio. Le radici sono definiti fittonate e sono poco sviluppate in profondità: le foglie sono caduche ed alterne, con consistenza coriacea e forma ellittico lanceolata.

Presentano il margine seghettato e l’apice appuntito; la pagina superiore della foglia e di colore verde e appare lucida; quella inferiore è decisamente più chiara. Misurano da otto a venti centimetri in lunghezza e da tre a sei in larghezza.

I fiori sono unisessuali per definizione, sulla stessa pianta e sono portati dalla vegetazione dell’anno: i fiori femminili sono riuniti in gruppi di tre, e sono contenuti in un involucro di bratee saldate tra loro detto cupola, e definito riccio; si trova alla base dei rametti, mentre quelli maschili sono in posizioni apicale.

IL frutto del castagno è un achenio con il riccio formato da quattro valve, contenente due o tre castagne che hanno una forma variabile a seconda della loro posizione all’interno del riccio stesso.

Lascia una risposta

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetta Rifiuto Impostazioni della privacy Ulteriori informazioni sulla nostra politica sui cookie