Compostaggio cosa è? Come si forma…Video

0
114
compostiera

Teoria del Compostaggio

Indice

Per il compostaggio bisogna partire dal principio e spiegare come si forma l’HUMUS, la parte più viva di un sottobosco dove vivono insetti, piante, funghi, ecc.. ecc.., lo scopo e quello di ricreare del terreno per le nostre piante d’appartamento o per il nostro giardino riciclando quello che va buttato.

Come si forma l’Humus

Piante e foglie morte, frutti caduti alsuolo, spoglie e deiezioni d’animali, inaltre

compostaggio
Foto sottobosco

parole, tutte le sostanze organiche che si accumulano nel sottobosco, diventano il nutrimento, la fonte di vita del super-organismo formato dagli innumerevoli e microscopici esseri viventi che popolano il terreno.

Le grandi molecole organiche presenti nei vegetali (amidi, zuccheri, cellulosa, resine, oli..) diventano cibo per i batteri eper altri micro organismi che dalla degradazione di queste molecole, a base di carbonio, traggono energia. Alla presenza di una giusta quantità di sostanze contenenti azoto (nitrati, urea, proteine..) i batteri posso non utilizzare questa energia per sintetizzare nuove proteine e moltiplicarsi.

Pertanto in condizioni ottimali, a spese della materia organica sempre più degradata, può crescere in modo vertiginoso la popolazione di batteri.

Dal punto di vista chimico quello che abbiamo sinteticamente descritto è una progressiva ossidazione biologica delle complesse sostanze organiche per opera dei micro organismi che vivono nel terreno. Grazie alla loro attività il carbonio organico si lega all’ossigeno atmosferico formando anidride carbonica ed acqua.

Da questa reazione si libera energia che, in parte, i batteri stessi utilizzano per le loro funzioni vitali ed in parte è dispersa nell’ambiente, sotto forma di calore. Quello che non è gradito come cibo ai batteri è invece appetibile a muffe e funghi che lasciando come scarto del loro banchetto molecole ancora più semplici, si moltiplicano anch’essi fino a quando c’è cibo a sufficienza.

Su quello che resta dell’originaria materia organica e sugli stessi batteri e funghi, si avventa una miriade d’organismi di maggiori dimensioni quali insetti, artropodi, anellidi che, oltre a finire di mangiare le briciole, scavano e rimescolano quello che ormai è diventato un soffice terriccio bruno su cui l’ossigeno dell’aria e l’acqua apportano le ultime trasformazioni chimico-fisiche.

Dopo qualche mese, finito il grande banchetto, dell’originaria materia organica morta e delle sue strutture macroscopiche non vi è più traccia.Tutto si è trasformato in una cosa nuova, il Compost

Il Compost

compostaggio
Foto Compostaggio da giardino

Ovvero un terriccio fine ricco d’organismi viventi e di sostanze nutritive, nelle condizioni fisiche e chimiche ottimali per essere facilmente assorbite dalle radici delle piante.

Molto  del carbonio organico presente nella biomassa morta è tornato in atmosfera sotto forma d’anidride carbonica, pronta ad essere assorbita dalle piante verdi per ridiventare, grazie all’energia solare e alla foto sintesi clorofilliana, nuovamente biomassa vegetale vivente (foglia, fiore, frutto, corteccia, frutto). E il grande ciclo della vita può continuare.

La ricetta “Veloce” per un buon compostaggio domestico

Affinché’ i processi di humificazione e compostaggio di sostanze organiche vegetali vadano a buon fine, anche in condizioni artificiali, sono indispensabili i seguenti ingredienti:
  • Un volume di biomassa finemente triturata di circa 1 metro cubo, formata di 30 parti di carbonio e 1 parte d’azoto
  • aria a volontà
  • acqua, quanto basta al benessere di muffe, funghi e batteri
  • un po’ di batteri e microrganismi,
  • qualche lombrico

Mescolare bene questi ingredienti, operare affinché l’aria circoli sempre in abbondanza in questo “impasto” e la quantità d’acqua si mantenga nelle giuste proporzioni. Nel materiale sottoposto a compostaggio si assisterà, in ordine di tempo, ai seguenti fenomeni:

  1. sviluppo di colonie di muffe e funghi
  2. riscaldamento progressivo, fino a raggiungere 50-60 °C, al suointerno
  3. disgregazione dei componenti, con una riduzione del volume inizialefino al 50%
  4. raffreddamento del compost
  5. eventuale diffusione di lombrichi all’interno del cumulo di compost

Se la ricetta è ben eseguita e se il materiale trattato è frequentemente rimescolato, l’intero processo di compostaggio può durare anche alcuni giorni; lasciando il cumulo fermo e avendo provveduto solo ad una grossolana triturazione, il compostaggio completo richiederà alcuni mesi (da 4 a 5 mesi, secondo la stagione).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here